Wolford: il calo dei consumi in alcuni mercati chiave comprime i ricavi

I consumi made in Usa flettono del 7%, quelli della Germania e della Svizzera dell’11% circa e nel Far East bisogna fare i conti con la ristrutturazione della rete distributiva: l’austriaca Wolford chiude il primo semestre fiscale con un turnover complessivamente in calo dell’1,6% a 56 milioni di euro.
In controtendenza, con tassi di incremento a doppia cifra, il Regno Unito, l’Europa dell’Est, l’Italia, l’Olanda e la Scandinavia. Riscontri positivi anche in madrepatria, terzo mercato della società, e in Francia.
Con 226 negozi all’attivo, il gruppo della calzetteria e bodywear di Bregenz sta attraversando una fase di riorganizzazione sia a livello di management, e quindi di responsabilità, sia in termini di network retail. Soddisfatti per l’andamento della collezione Armani e per le proposte Pucci “limited edition”, i vertici hanno fatto sapere che la collaborazione con quest’ultima griffe replicherà anche per la prossima primavera.
e.f.
stats