Woolworths in fase di ripresa

Il retailer britannico Woolworths Group plc è tornato all’utile per la prima volta da quando è uscito dal Kingfisher Group. Nell’anno chiuso il primo febbraio 2003 le vendite sono salite del 4,5% a quota 2,7 miliardi di sterline (4 miliardi di euro), generando un utile pre-tasse di 38 milioni di sterline contro una perdita di 46 milioni di sterline un anno fa.
Come sottolinea il ceo Trevor Bish-Jones, la ripresa è frutto di un miglioramento delle infrastrutture e dei processi organizzativi, oltre che di una forte focalizzazione sul core business del retail.
Woolworths, il cui quartier generale si trova a Londra, è sinonimo di 910 store: oltre all’omonima insegna, gestisce i negozi di largo consumo Woolworths bigW e quelli dedicati agli elettrodomestici (audio e video) Mvc.
Nel periodo preso in considerazione, le vendite nei magazzini Woolworths si sono incrementate del 3,1%, raggiungendo i 2,2 miliardi di sterline. Parallelamente sono stati aperti cinque Woolworths bigW, portando il numero totale degli spazi con questo nome a 18, situati in genere lontano dal centro cittadino.
ed
stats