"i Made": il meglio del design italiano in scena a New York

Si intitola "i Made – i modi del produrre" la mostra newyorkese che prende il via domenica 18 maggio, per concludersi il 5 giugno al Chelsea Gallery District in 545 West 22th Street. Al centro dell’iniziativa, a cura di Ice-Istituto per il Commercio Estero, la creatività italiana applicata all’abitare.
i Made si inserisce in un più ampio programma di valorizzazione del made in Italy, che l’Ice sta portando avanti su mercati strategici come America e Giappone (ma non solo), attraverso eventi culturali e di comunicazione: un progetto denominato "Italia-Life in I Style".
L’esposizione al Chelsea Gallery District porta in scena l’home design secondo storiche aziende del nostro Paese: solo per citarne alcune, B&B, Molteni, Fontana Arte Tecnica, Artemide e Bisazza, che spesso hanno dato vita a collaborazioni con grandi progettisti internazionali, da Starck a Iosa Ghini e Citterio.
Lunedì 19 prende il via, tra l’altro, la quinta edizione di Abitare Italia, un tour promozionale a cura di Ice e di Federlegno-Arredo nelle showroom e nei quartieri "in" di Manhattan; parallelamente, department store come Bloomindgale’s e Abc Carpet Home allestiscono corner ispirati ad i Made.
Alla rassegna sono legati alcuni momenti mondani e di informazione a partire dall’inaugurazione, il 18 maggio, alla presenza fra gli altri del sindaco di New York Bloomberg. Sempre il 18, Abc Carpet Home organizza un party per un selezionato numero di clienti. Il 20, invece, si svolge al Chelsea Gallery District il seminario "The Italian contribution to innovation", con interventi di Frida Doveil che ha curato la mostra e del designer Karim Rashid, che fra le sue collaborazioni vanta anche quelle con Prada, Armani, Cappellini, Guzzini, Artemide e Flos.
Dopo New York, i Made prosegue per Washington dall’11 al 31 luglio, per sbarcare in autunno a San Pietroburgo in occasione del trecentesimo anniversario della città.
a.b.
stats