2018 a quota 168 milioni

Diadora: per crescere ancora più abbigliamento e digital

Diadora prosegue il percorso di affermazione in Italia e all'estero. Dopo aver chiuso il 2018 superando i 168 milioni di euro di fatturato (+6,5% sul 2017), anche il 2019 si preannuncia positivo. «Merito di Italia, Usa e e-commerce», riassume il presidente Enrico Moretti Polegato.

 

L'Italia resta il mercato chiave del brand, controllato dalla Lir di Mario Moretti Polegato che lo ha acquisito nel 2009, ma gli Stati Uniti stanno assicurando numeri lusinghieri: «Ci riferiamo ai pezzi acquistati dai consumatori e non agli acquisti dei rivenditori», spiega Enrico Moretti Polegato.

 

Anche la Germania è un'area che sta diventando rilevante per Diadora. L'incidenza dell'estero non è destinata ad aumentare, merito dell'Italia che continua a crescere. «Qui - conferma l'imprenditore - stiamo  vivendo un ottimo momento: il mercato reagisce benissimo alla nostra identità e dei nostri valori».

 

Gli spazi per continuare a crescere ci sono e se sul fronte del prodotto Polegato pensa a potenziare il business dell'abbigliamento, su quello della strategia distributiva è e-commerce la parola chiave.

 

«Tra l'online diretto e le vendite sui marketplace - fa il punto Polegato - contribuisce per il 6% al fatturato complessivo, con un balzo del 65% nell’ultimo esercizio».

 

«Da pochi mesi - aggiunge - abbiamo debuttato in Cina con uno spazio all'interno di Tmall e i primi feedback sono positivi, ma il potenziale di crescita è ancora grande».

 

nella foto, la sneaker Alpaca, presentata in occasione di Pitti Uomo 96

an.bi.
stats