22 MILIONI DI UTENTI IN Più RISPETTO A DICEMBRE

Il lockdown spinge gli acquisti online: trimestre col botto per Alibaba

Durante la fase acuta dell'epidemia, con il commercio fisico al palo, è stato l'e-commerce l'unico canale a tenere attivi consumatori segregati in casa, in Europa come in Asia e Stati Uniti.

Non sorprendono dunque i dati trimestrali di Alibaba, che durante il lockdown ha visto lievitare vendite e fatturato, battendo le stime degli analisti, che avevano previsto ricavi per 107,04 miliardi di yuan.

Nel quarto trimestre, chiuso il 31 marzo, il gigante cinese dell'online – grazie alla spinta degli acquisti dovuta al social distancing – ha registrato invece entrate per 114,31 miliardi di yuan (16,02 miliardi di dollari) rispetto ai circa 93,50 miliardi di yuan di un anno prima, in progress del 22%.

Nel periodo l'utile netto è stato di 3,162 miliardi di yuan, in calo dell'88% rispetto all'anno precedente, a causa di una perdita netta dei proventi da investimenti, principalmente per una riduzione dei prezzi di mercato delle partecipazioni in società quotate rispetto all'anno prima. 

«La pandemia ha sostanzialmente modificato il comportamento del consumatore e le operazioni aziendali, rendendo necessaria la digitalizzazione - ha dichiarato Daniel Zhang, presidente e a.d. di Alibaba -. Siamo ben posizionati e pronti ad aiutare le grandi e piccole imprese di un ampio spettro di settori a realizzare la trasformazione digitale di cui hanno bisogno per sopravvivere a questo periodo difficile e alla fine prevalere nella nuova normalità». 

In forte aumento anche gli utenti mensili attivi, arrivati a marzo a quota 846 milioni, con un aumento di 22 milioni rispetto a dicembre 2019.

Nell’anno fiscale 2021 Alibaba Group ha dichiarato di prevedere oltre 650 miliardi di yuan di ricavi, con una velocità di crescita che decelererà dal 35% dell'anno precedente al 27,5%.

a.t.
stats