+35% per Dhl Express

Anno record per Dhl: l’exploit dell’e-commerce fa lievitare gli utili

È un anno record quello appena chiuso da Deutsche Post Dhl, uno dei leader mondiali della logistica, sulla spinta del boom dell’e-commerce durante la pandemia.

Il player tedesco ha comunicato che l’utile operativo ha sfondato il tetto dei 4,84 miliardi di euro nel 2020, superando di circa il 10% le previsioni più ottimistiche.

In particolare Dhl Express, la divisione dedicata alle spedizioni internazionali, ha raggiunto pre-tax profit per 2,75 miliardi, con un picco equivalente a un +35% rispetto al 2019: un'impennata trainata dalle vendite online, che hanno contribuito a mantenere il commercio e il transito delle merci nell’annus horribilis del Coronavirus.

Basti pensare che solo nell’ultimo trimestre dell’anno, complici le festività natalizie, il Thanksgiving negli Stati Uniti ed eventi ad alto tasso di shopping come il Black Friday, la multinazionale delle spedizioni ha guadagnato più di un miliardo di euro.

«La nostra strategia e il nostro modello di business si sono dimostrati resilienti, anche in tempi turbolenti per l’economia globale», ha affermato Frank Appel, numero uno di Deutsche Post Dhl, aggiungendo che la società si è concentrata sulla distribuzione di vaccini in tutto il mondo.

Sulla scorta delle performance del 2020, il gruppo con sede a Bonn ha anche rivisto al rialzo la guidance per il 2021, con la prospettiva di superare i 5,4 miliardi di utili ante imposte realizzati lo scorso anno.

Anche i rivali Ups e FedEx stanno beneficiando dell’incremento eccezionale delle spedizioni, grazie soprattutto al commercio digitale: il primo, anche se deve ancora pubblicare il giro d’affari del 2020, ha annunciato un utile operativo in crescita del 10% nell’ultimo trimestre, mentre il secondo a fine novembre ha visto un’escalation dei profitti del 120% nei tre mesi precedenti.

Deutsche Post Dhl intanto si prepara ai prossimi mesi, sicuramente intensi come gli ultimi: lo scorso ottobre ha fatto un maxi recruiting, con l’assunzione di 10mila lavoratori, mentre Dhl Express ha annunciato di aver ordinato da Boeing altri otto aerei cargo 777, che andranno ad aggiungersi a una delle flotte merci più grandi del mondo, con oltre 260 aeromobili che effettuano 600 voli al giorno.

Lo scorso anno, al culmine della pandemia, la multinazionale tedesca ha pagato anche un bonus di 300 euro a ogni dipendente.

Nel 2019 Deutsche Post Dhl ha registrato un fatturato di 63,3 miliardi di euro, raggiunto con le sue cinque divisioni, con una crescita del 2,9% rispetto al 2018. I risultati relativi al 2020 saranno pubblicati integralmente il prossimo 9 marzo.

a.t.
stats