+81% i ricavi a otto mesi

Sarà un 2021 da record per Manolo Blahnik

Nei primi 8 mesi di quest’anno le vendite di Manolo Blahnik a periodi comparabili hanno superato i livelli del 2019 dell’8% e sono salite dell’81% rispetto al gennaio-agosto 2020. Come riporta wwd.com, il marchio britannico aveva raggiunto i 42,3 milioni di euro di fatturato nel pre-pandemia, in calo del 7% rispetto all’anno prima, e il bilancio si era chiuso con una perdita di 4,75 milioni di euro. L’organico invece era incrementato del 3%.

«Mentre celebriamo il nostro 50° anniversario, siamo fiduciosi che il 2021 sarà il nostro migliore anno», ha commentato la ceo Kristina Blahnik.

Fra gennaio e agosto il marchio degli stiletti di culto ha sorpreso anche sul fronte e-commerce: +120% dopo il +39% del 2020.

Sostenuto da queste performance il brand , che conta 21 monomarca nel mondo, prevede di chiudere quest’anno in crescita triple digit.

Nel periodo critico della pandemia l’azienda ha snellito le operazioni, portando le collezioni da quattro a tre, mentre le spese sono aumentate a causa dell’integrazione nel perimetro della società di Manolo Blahnik Americas e della filiale produttiva, il calzaturificio lombardo Re Marcello.

Per celebrare i 50 anni, Manolo Blahnik lancerà una capsule collection in oro, che sarà distribuita in boutique e online da novembre. L’azienda la descrive come “una sintesi di cinque decenni di lavoro” che presenta “una vasta gamma di nuovi stili, classici rivisitati”.

Manolo Blahnik è solo il più recente, tra i marchi del lusso, a mostrare incrementi da record. Secondo gli analisti, la fine dei confinamenti ha scatenato nei big spender la voglia di celebrare il proprio potere d'acquisto, che oltretutto è lievitato per la mancanza di occasioni di spesa.

e.f.
stats