A MILANO UNICA

Lanificio Zignone prevede un +12% nei ricavi

Il Lanificio Zignone ha archiviato il 2016 con vendite in aumento del 4% a 28 milioni di euro. L'ebitda dell'azienda, che esporta soprattutto in Germania, Est Europa, Usa e Canada, ha raggiunto i 3,5 milioni.

 

Nel corso dell'anno il lanificio di Strona, nel Biellese, ha investito in nuovi impianti per un valore pari a circa il 10% del giro d’affari.

 

«La spinta alla crescita - commenta il ceo Matteo Patti - continua ancor più forte anche nell’anno in corso e, salvo imprevedibili avvenimenti, contiamo di arrivare alla fine di questo esercizio con un +12% del fatturato».

 

«Anche se il prezzo della lana ha subito un aumento del 40% anno su anno, percentuale che si rifletterà nei listini, creando incertezze in un mercato già difficile e in forte cambiamento, la nostra filosofia resta quella di investire in innovazione, risorse umane, ricerca, creatività e sviluppo di nuovi prodotti».

 

Alla XXV edizione di Milano Unica il Lanificio Zignone porta una collezione autunno-inverno 2018/19 connotata dai tessuti stretch, per un'eleganza contemporanea che non trascura le performance, indicata soprattutto per il business traveller. Tra i plus spiccano le gessature per gli abiti classici, i nuovi filati fantasia e i ricami in pezza per la giacca.

 

stats