A PITTI UOMO

Accordo tra Unicredit e Cfmi per il made in Italy

Unicredit Banca scende in campo a favore della moda. Durante la conferenza di presentazione di Pitti Uomo è stato illustrato il nuovo progetto per sostenere le aziende Made in Italy, con credito agevolato e supporto all'internazionalizzazione, che vede come promotore l’istituto di credito in collaborazione con il Centro di Firenze per la Moda Italiana.

“Vogliamo partire con cose semplici, comprensibili, poi arriverà tutto il resto” ha dichiarato Federico Ghizzoni, a.d. di Unicredit Banca, che ha ricordato come l’obiettivo dell’iniziativa sarà finanziare “la produzione italiana, il made in Italy fatto interamente nel nostro Paese. Questo vuol dire dare una risposta in termini di occupazione".

 

Il secondo goal dell’accordo sarà aiutare le realtà del settore moda a internazionalizzarsi. "C’è grande potenziale", ha affermato Ghizzoni, citando l’esempio della sua banca: "Abbiamo 4mila imprese clienti nel settore moda e solo mille che esportano".

 

Stefano Ricci, neo-presidente di Cfmi, ha sottolineato come alla base della firma ci sia l’idea di sostenere sostenere le aziende, in grado di “certificare che il loro prodotto è davvero fatto in Italia dalle nostre maestranze. Non possiamo perdere certe tradizioni” (nella foto di F. Guazzelli, da sinistra, Stefano Ricci, Federico Ghizzoni e Gabriele Piccini, chairman di Unicredit Banca).

stats