A Pitti Bimbo

Accordo Miss Blumarine-Spazio Sei: si volta pagina tornando alle origini

Il 2016 apre un nuovo capitolo per Miss Blumarine, che riallaccia le fila del rapporto con lo storico licenziatario, Spazio Sei, dopo essersi affidata per una stagione ad Altana. Gianguido Tarabini, amministratore unico di Blufin, non commenta il recente passato e preferisce concentrarsi sul futuro. Compresa l'ipotesi di una partnership più stretta con il licenziatario.

 

«Si sono verificate le condizioni per riprendere la collaborazione con Spazio Sei - spiega Tarabini - e insieme abbiamo deciso di siglare un accordo per le prossime cinque stagioni».

 

«Valuteremo in futuro come proseguire» aggiunge, tenendo presenti quelle che definisce «le variabili nel mondo delle licenze, sempre plurime, che impongono strategie a medio termine», ma sbilanciandosi nell’affermare che «stiamo approfondendo anche la possibilità di trasformare l’intesa con Spazio Sei in una partnership più stretta».

 

«Stiamo studiando azioni che ci permettano un controllo sempre maggiore delle licenze», chiarisce l’amministratore unico della realtà di Carpi, che con gli accordi legati a Blumarine e Blugirl genera un fatturato stimato per il 2015 intorno ai 60 milioni di euro, di cui un 18% realizzato tramite l’abbigliamento per la bambina.

 

A Pitti Bimbo Miss Blumarine occupa per la prima volta uno stand dedicato, al piano inferiore del Padiglione Centrale della Fortezza da Basso. Di scena una collezione femminile, che interpreta il romanticismo in chiave contemporanea.

 

L'articolo completo è pubblicato sul numero 2 di Fashion, con data 20 gennaio 2016.

 

 

 

stats