ACQUISIZIONI

A Zegna il 60% di Bonotto: «Insieme un lab del tessile»

Il Gruppo Ermenegildo Zegna ha ottenuto il 60% delle quote di Bonotto, azienda tessile vicentina che si avvale del controllo diretto delle diverse fasi produttive, dalla tessitura al finissaggio, con la realizzazione di varie collezioni stagionali, presenti nei più importanti mercati mondiali.

 

L’accordo, firmato da Gildo Zegna (nella foto) e Giovanni Bonotto, prevede comunque la presenza in azienda della famiglia fondatrice, che manterrà il 40% del capitale sociale e la responsabilità della gestione e della direzione creativa.

 

Il Gruppo Zegna entrerà inoltre con una partecipazione del 33% in Bonottoeditions, partecipata allo stesso modo dall’imprenditore culturale Cristiano Seganfreddo: un progetto innovativo, dedicato a edizioni tessili speciali tra arte, fashion e design.

 

Bonotto e Bonottoeditions, presenti a Milano con una showroom in via Durini, si caratterizzano per la dimensione creativa e sperimentale dei propri tessuti e per un approccio culturale simbolo di un nuovo saper fare contemporaneo.

 

«Conosciamo e apprezziamo da tempo la famiglia Bonotto - dichiara Gildo Zegna, ceo del gruppo biellese del tessile e dell’abbigliamento maschile - la cui storia presenta molte analogie con la nostra, a partire dall’attenzione al territorio, all’arte e alla cultura come leve per lo sviluppo stesso dell’impresa. Sono certo che insieme sapremo conseguire nuovi e innovativi traguardi».

 

«L’unione tra le nostre famglie - aggiunge Giovanni Bonotto, direttore creativo di Bonotto - porterà un ulteriore impluso in campi per entrambi inediti, come quello dei tessuti di arredamento e sperimentali».

 

 

stats