ACQUISIZIONI

Brian Atwood si allea con Steven Madden

Lo stilista americano delle scarpe di alta gamma Brian Atwood ha un nuovo partner: Steven Madden, altra realtà statunitense delle calzature, in questo caso di fascia media.

 

Il designer e la società hanno acquisito la proprietà intellettuale e gli asset relativi ai marchi Brian Atwood e B Brian Atwood e hanno creato una joint venture.

 

Entrambi i brand confluiranno in una nuova entità, che opererà come una divisione separata di Steven Madden e di cui il designer avrà una quota di minoranza.

 

L’accordo in sostanza proietta la company di Steven Madden in un nuovo segmento di mercato: quello delle scarpe firmate di alta gamma, dove tra i competitor si trovano nomi del calibro di Jimmy Choo, Nicholas Kirkwood, Christian Louboutin e Manolo Blahnik.

 

Brian Atwood avrà naturalmente la direzione creativa del marchio che porta il suo nome, cooadiuvato dal design team di Steven Madden, società che supporterà la griffe anche nelle operation day-by-day, come il customer service, il sourcing, la produzione e il marketing. La transizione dalla gestione Jones a quella attuale avverrà con la primavera 2015.

 

Edward R. Rosenfeld, chairman e chief executive officer di Steven Madden, ha dichiarato a wwd.com che il business relativo ai marchi Brian Atwood e B Brian Atwood raggiungerà il breakeven già nel primo anno; perché sia redditizio è necessario attendere gli anni successivi.

 

I marchi sviluppano un giro d’affari al momento ancora modesto (intorno ai 20 milioni di dollari), ha fatto sapere Steven Madden. La linea Brian Atwood è stata avviata nel 2001, mentre la contemporary B Brian Atwood solo due anni fa. Tuttavia, il progetto è di triplicarne i volumi già nel primo anno. Madden, nell’intervista rilasciata a wwd.com, non ha nascosto il suo entusiasmo per la nuova acquisizione, dicendo che le ragioni della sua scelta sono da rintracciare «nella bravura del designer e nel fatto che sia americano». (nella foto, una campagna di Brian Atwood)

 

 

stats