Accordi

Fondazione Altagamma firma accordi con il Miur e la Farnesina

Due importanti accordi per la Fondazione Altagamma (nella foto, il presidente Andrea Illy), di ritorno da Roma. Con il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca avvierà la prima Scuola Politecnica del Saper Fare Italiano. In più progetta di valorizzare il made in Italy insieme al ministero Affari Esteri.

 

La Scuola Politecnica del Saper Fare Italiano sarà un istituto tecnico superiore post-diploma «trasversale ai settori produttivi ad alto tasso di creatività, come moda, alimentare, arredo e gioielleria e a più alto livello di innovazione tecnologica, come automazione, biotecnologie e farmaceutica».

 

«Il progetto - spiegano dalla fondazione Altagamma - nasce per formare professionisti per le imprese nel contesto competitivo dell’Industria 4.0, contribuendo ad alleviare il problema della disoccupazione giovanile in Italia».

 

La sede dovrebbe essere nel sito Expo Milano 2015 e dovrebbe diplomare 900 studenti, nei primi tre anni di attività.

 

L'accordo firmato ieri 23 novembre segue di un giorno quello con il Ministero Affari Esteri per la valorizzazione all’estero dei migliori prodotti italiani. Di fatto, la rete diplomatico-consolare e degli Istituti Italiani di cultura si potrà avvalere della collaborazione di Altagamma, con le sue imprese associate, per avviare iniziative di valorizzazione dello stile italiano, in linea con il piano straordinario per la cultura italiana all’estero e con il piano straordinario per la promozione del made in Italy, promossi dal Governo Italiano.

 

Dal 1992 Fondazione Altagamma riunisce le imprese dell’alta industria culturale e creativa italiana, riconosciute come ambasciatrici dello stile italiano nel mondo (dalla moda all'interior design, dalla gioielleria fino all'alimentare e al wellness). Il suo obiettivo è accrescere la competitività del settore, contribuendo così alla crescita economica dell’Italia.

stats