Accordi e risultati

BasicNet licenziatario di Briko con opzione d'acquisto. Intanto volano gli utili (+35%)

Briko - che commercializza caschi, occhiali e abbigliamento per lo sci e il ciclismo - ha scelto BasicNet come licenziatario per la distribuzione in esclusiva nel mondo di tutti i suoi prodotti. Il gruppo torinese archivia il 2015 con 16,8 milioni di euro di utili (+35% sul 2014).

 

Con un fatturato di circa 6 milioni di euro l'anno, Briko è distribuito per circa il 60% in Italia e per il resto negli Stati Uniti, Nord Europa e Giappone. Grazie al collaudato network di licenziatari del gruppo BasicNet, ora punta a raggiungere i più significativi mercati nel mondo.

 

L'accordo siglato oggi, 18 marzo, prevede per BasicNet un’opzione per l’acquisto del marchio Briko (attualmente in capo alla famiglia Boroli), esercitabile entro il 30 giugno 2019, «a condizioni economiche prestabilite, anche relativamente ad un eventuale esercizio anticipato dell’opzione, correlate alle dimensioni commerciali sviluppate dal marchio». L'investimento stimato è di circa 3 milioni di euro.

 

Il cda di BasicNet, riunitosi in data odierna, ha approvato il bilancio 2015, che vede i ricavi delle vendite aggregate (marchi Kappa, Robe di Kappa, Superga, K-Way, Lanzera, AnziBesson, Jesus Jeans e Sabelt), sviluppate dai licenziatari commerciali e produttivi, in aumento del 17% a 731 milioni di euro. Royalty e commissioni sono aumentate del 13% a 58,5 milioni, mentre la licenziataria BasicItalia ha messo a segno un +11% a 133,9 milioni.

 

L'ebitda consolidato del gruppo è cresciuto dell'8,7% a 32 milioni e l'ebit dell'1,5% a 25,7 milioni.

 

BasicNet intende distribuire un dividendo di 0,10 euro per azione, in aumento del 43% rispetto al 2014.

stats