Acquisizioni

Almax sempre più globale con The Visuality Corporation

I manichini di Almax diventano sempre più internazionali. L'azienda è appena entrata a far parte di The Visuality Corporation, tra i leader a livello internazionale nella progettazione, produzione e commercializzazione di visual merchandising display per il settore retail.

 

Nata nel 1969 in provincia di Como, Almax è cresciuta negli anni facendo leva su artigianalià, qualità dei materiali e delle lavorazioni eccellenti, conquistando una presenza globale grazie a impianti produttivi in Francia, a Milano e Shanghai. Fra i suoi clienti, realtà dell'alta moda e grandi catene di distribuzione.

 

Con sede a Denver, The Visuality Corporation è una realtà di punta nel settore del visual merchandising display, con avamposti in America, Europa e Asia, in grado di offrire tre teconolgie di produzione con fabbriche presentia livello globale. Fa da capogruppo a Falcon Industries e a Noa Brands. Di quest'ultima fanno parte le società Atrezzo, Fusion Specialties, Goldsmith, Pop Mannequins e, da oggi, Almax.

 

«L’aggiunta del design europeo di Almax, il suo fascino made in Italy e la tecnologia produttiva specifica rafforzano l’ampio portfolio del gruppo», è il commento di John McCarvel, chief executive officer di The Visuality Corporation.

 

«Riteniamo che grazie all'accordo Almax possa essere un partner ancora più forte e affidabile per i clienti retail - è il parere di Max Catanese, ceo globale di Almax -. Far parte dell’esteso portfolio di The Visuality Corporation ci permette di fornire una gamma ancora più ampia di prodotti, per soddisfare le esigenze del settore».

 

L’arrivo di Almax nelle fila del gruppo americano rafforza l’impegno di The Visuality Corporation per uno sviluppo responsabile. I manichini dell'azienda italiana Almax sono realizzati infatti in due fabbriche eco-sostenibili in Italia e in Cina, con l’utilizzo di polistirene antiurto, materiale che li rende estremamente durevoli, ma soprattutto riciclabili.

 

stats