Acquisizioni

La Perla: contratto d'affitto efficace dopo le consultazioni sindacali

Dopo il successo dell'asta di La Perla - vinta dalla Sms Finance di Silvio Scaglia, che ha offerto 69 milioni di euro, da una base di 45 e dai 68 di Calzedonia - è stato siglato un contratto d'affitto di ramo d'azienda che diventerà efficace "appena saranno completate le necessarie consultazioni sindacali".

 

Lo comunicano dal gruppo della lingerie di lusso, precisando che il contratto d'affitto prevede l’assorbimento dei lavoratori di La Perla, con l’esclusione dal perimetro di coloro che un tempo erano operativi presso gli stabilimenti di Roseto degli Abruzzi e San Piero in Bagno, già chiusi da anni. Si tratta, secondo stime, del salvataggio di circa 700 dipendenti in Italia, di cui 600 a Bologna.

 

"Il risultato della gara competitiva - dicono dall'azienda bolognese - ha incrementato significativamente la percentuale di soddisfazione che La Perla sarà in grado di offrire ai propri creditori, nell'ambito della proposta concordataria".

 

Quest'ultima sarà formulata entro il prossimo 23 luglio, termine indicato dal Tribunale in accoglimento della domanda di concordato presentata lo scorso 22 maggio.

 

stats