Aggiornamenti

Diadora torna tutta italiana. Per Geox si parla di contratti di solidarietà

La Lir della famiglia Moretti Polegato ha rilevato Diadora per Cina, Hong Kong e Macao dal gruppo industriale quotato a Hong Kong, Win Hanverky. Il brand dello sportswear torna tutto in mani italiane, mentre alla Geox si parla di ammortizzatori sociali.

 

L'acquisto in Asia, il cui valore ammonta a 9,2 milioni di euro, ha richiesto un aumento di capitale della società, interamente sottoscritto da Lir. La finanziaria della famiglia Moretti Polegato aveva rilevato l'azienda di Caerano di San Marco (Tv), in liquidazione, nel 2009 con l'obiettivo di rilanciarla (era gravata da debiti intorno agli 80 milioni di euro, per un fatturato di 130 milioni). In quattro anni Diadora ha raggiunto un giro d'affari di 200 milioni di euro e un ebitda di 5,7 milioni.

 

Con il 70,98% del capitale, La Lir è anche il maggiore azionista di Geox, che in questi giorni ha incontrato i sindacati, per discutere dei 90 esuberi annunciati in giugno. L'azienda delle "scarpe che respirano" avrebbe dato la disponibilità al ricorso a tutto il ventaglio di ammortizzatori sociali possibili, come contratti di solidarietà, incentivi all'esodo e forme di riqualificazione professionale. Mancano ancora i dettagli, ma pare che i tagli a Montebelluna riguardino 88 unità, di cui una quarantina nell'area amministrativa e altri 48 nel business e produzione.

 

stats