Anniversari

I 30 anni di Dockers: «Comfort e performance, oggi come ieri»

Doug Conklyn, svp chief creative officer di Dockers, traccia un bilancio dei primi 30 anni del marchio. Un brand che ha contribuito a rivoluzionare il concetto di abbigliamento maschile, con l'introduzione del khaki pant. Dopo i pantaloni è nato il total look. E chissà che presto non arrivino importanti novità. Intanto si festeggia, con una capsule speciale, una campagna globale e tanti eventi.

 

«Dockers ha cambiato il modo in cui milioni di uomini nel mondo si vestono, mettendo a fuoco i concetti di comfort e performance - racconta Conklyn -. Oggi, a distanza di 30 anni, lo stile e i colori sono cambiati in parallelo con la "casualizzazione" del menswear, ma il consumatore vuole sempre essere a proprio agio, con il look giusto».

 

Lanciato nel 1986 in California, Dockers è frutto di un'intuizione di Levi Strauss & Co., che ha voluto introdurre un concept più raffinato nell'abbigliamento maschile, in alternativa al jeans.

 

Né jeans, né formali, i khaki pant di Dockers hanno rappresentato una svolta, tanto che nel 1992 sono entrati a far parte del look dei lavoratori nella giornata del venerdì, alla vigilia del weekend: il cosiddetto "casual friday".

 

A cambiare nel tempo sono stati i fit dei pantaloni, divenuti più slim, i tessuti, sempre più innovativi e performanti, ma anche l'assortimento, che oggi si compone di un guardaroba completo, dai capispalla alle camicie, dagli sweater agli accessori.

 

In questi anni sono nati il Mobile Pant, giudicato da Time Magazine una delle migliori invenzioni del 2001, il Never Iron Pant, che non si stira e la camicia Perspiration Guards, indossata dai candidati americani alla presidenza nel 2004.

 

Si stima che nel mondo ogni minuto vengano vendute 38 paia di Dockers e che il 75% degli uomini che prova un paio di Dockers li compri immediatamente. In Europa la label è venduta in oltre 1.200 negozi e online con un focus nel Sud del Vecchio Continente.

 

Una notorietà che lascia aperte le porte per nuove avventure: «Abbiamo la chance di tradurre l'amore per il nostro core product in un lifestyle che comprende moltissimi prodotti. Così, mentre ci concentriamo sulla collezione maschile, crediamo di avere la grande opportunità di costruire sulle fondamenta del marchio», anticipa Doug Conklyn.

 

Adesso è ora di festeggiare l'anniversario con una serie di iniziative. «Abbiamo sponsorizzato il party di apertura della New York Fashion Week - racconta Conklyn -. In Europa lanciamo una capsule celebrativa che sarà venduta esclusivamente da Harvey Nichols a Londra, da Printemps Haussman a Parigi e sul sito Dockers.com».

 

E prosegue: «Abbiamo in programma eventi a marzo e aprile a Parigi, Londra e New York e continueremo a festeggiare questa tappa importante durante tutto l'anno con diverse iniziative».

 

A scandire il ritmo di un anno ricco di progetti, il claim della campagna multichannel globale: "Yes, they're Dockers", che evidenzia la capacità della label di creare il pantalone iedale per ogni tipo di uomo.

 

stats