Aperture

Coach: primo monomarca italiano in Montenapoleone

Dopo gli opening di Parigi, Londra e New York, la fashion house newyorkese Coach sbarca a Milano nel cuore del Quadrilatero, in via Montenapoleone 19. Un importante step per il brand, che festeggia il 75esimo anniversario. E che dice addio al suo co-fondatore, Miles Cahn, spentosi all'età di 95 anni.

 

Frutto del concept studiato da Stuart Vevers, direttore creativo esecutivo di Coach, in collaborazione con William Sofield, designer e presidente dello studio di design Sofield, il punto vendita - il primo in Italia per la griffe oggi quotata al Nyse - occupa una superficie di 150 metri quadri e si caratterizza per l'armonizzazione tra elementi architettonici preesistenti e il layout distintivo della label.

 

Un modo per proiettarsi nel futuro restando ancorati al passato, che per Coach vuol dire un viaggio partito 75 anni fa, nel 1941, e guidato per molti anni dal co-fondatore del marchio, Miles Cahan, spentosi proprio in questi giorni all'età di 95 anni.

 

Articolato su più livelli collegati da un ascensore interno di vetro, il punto vendita del marchio da quasi 4,50 miliardi di dollari di ricavi, ha un'atmosfera calda e accogliente, grazie ai sistemi di illuminazione, ai tappeti disegnati ad hoc, alle sedute in pelle di montone e alla selezione di oggetti di metà secolo.

 

«L'apertura dello store milanese afferma la presenza del brand in una delle capitali della moda più importanti al mondo - è la dichiarazione di Andrew Stanleick, presidente di Coach Europe -. Siamo sicuri che il nostro concetto di lusso contemporaneo, legato alla pelletteria iconica e al prêt-à-porter di Coach, renderà il nuovo negozio una destinazione chiave per i clienti milanesi più esigenti, così come per coloro che visitano la città».

 

stats