Aperture

Ovs: il nuovo store di via Dante sancisce la svolta “fast-fashion”

Continua il processo di evoluzione di Ovs che inaugura oggi, 28 maggio, a Milano in via Dante angolo via Giulini un concept innovativo e tecnologico, giocato sull’interazione tra reale e virtuale, che mette in primo piano la svolta decisamente fashion dell’insegna del Gruppo Coin. Che aprirà 80 negozi nel 2014 ed è pronta al debutto in Borsa.

 

Basta fare due passi all’interno del nuovo punto vendita - di 900 metri quadri su tre livelli, con grandi vetrine e finestre affacciate sulla nota strada pedonale meneghina -  per rendersi conto dei passi avanti fatti dal marchio che rappresenta, come ha detto Stefano Beraldo, a.d. di Gruppo Coin alla conferenza stampa odierna, il 95% dei risultati economici e il 70% del fatturato complessivo del più importante retailer di moda italiano (953 milioni di euro nel 2013).

 

«Questo negozio segna il terzo grande passo nel percorso di Ovs - ha spiegato Beraldo - che nel corso degli 10 anni è passato dalla vendita di commodity, prodotti a prezzo basso e fruibili, a una connotazione “industry” per evidenziare l’esistenza di un sistema produttivo a monte dei punti vendita, fino ad arrivare al posizionamento attuale, che ci permette di competere con i più bravi della fast fashion internazionale, H&M e Zara. Questo spazio enfatizza l’evoluzione del merchandising e l’eccellente lavoro realizzato nelle ultime stagioni dal nuovo team di design, guidato nel settore donna da Caterina Salvador, a cui di recente si è unito Marco Mazzoran per l’uomo».

 

«Per questi motivi - ha aggiunto Beraldo - all’architetto Vincenzo De Cotiis ho dato input di essenzialità, pulizia e qualità per la creazione del nuovo concept in modo da rendere assoluto protagonista il prodotto. Inoltre gli ho chiesto che non fosse un unicum, ma che tutto l’allestimento fosse replicabile e applicabile agli altri store Ovs».

 

De Cotiis ha puntato su un progetto dedicato alla luce, grazie anche alle grandi finestre esistenti, e giocato su materiali come legno e acciaio, mantenendo l’architettura storica del luogo.

 

Grande attenzione anche alle sinergie tra online e offline nel flagship meneghino, l’obiettivo è attuare un nuovo approccio verso il cliente e ampliare il dialogo attraverso un’innovativa digital experience: camerino virtuale, assistenti alla vendita muniti da Ipad, totem multimediali, servizio click&collect. Oltre al debutto del primo corner Ovs Digital Experience con tecnologie e prodotti Google Enterprise, frutto della partnership di recente siglata con il colosso americano.

 

stats