Aperture

Per Hermès via Montenapoleone diventerà il nuovo “Faubourg” italiano

Dopo tanta attesa, debutterà il 15 ottobre il flagship store milanese di Hermès in via Montenapoleone 12. Lo spazio per dimensioni – 600 metri quadri complessivi – offerta e servizi rispecchierà la storica sede parigina in  faubourg Saint-Honoré e sostituirà  la boutique di via Sant’Andrea.

 

Un’occasione, quella di sbarcare nella strada da molti considerata la più famosa al mondo per il lusso, che la griffe francese non poteva lasciarsi sfuggire. Anche perché il monomarca aperto nel 1987 all’angolo tra via Sant’Andrea e via Spiga non è più in grado di rappresentare al meglio l’universo Hermès.

 

Il nuovo spazio, ospitato al 12 di via Montenapoleone in un palazzo neoclassico dalla facciata giallo ocra, si estenderà su due livelli (per un totale di 488 metri quadri di vendita) e, come spiegano dalla maison a fashionmagazine,.it, proporrà al pubblico una serie di articoli e di servizi al momento non disponibili in Italia.

 

 Ai 16 métier di Hermés verranno dedicati spazi di ampio respiro, così come l’offerta sarà più completa a partire dall’universo gioielli, che comprenderà pezzi speciali al momento acquistabili solo nel flagship parigino di faubourg Saint-Honoré. Non mancheranno inoltre servizi particolari, come quello di  personalizzazione su cuoio e seta. In vendita pure una collezione di prodotti esclusivi rieditati per l’occasione, come Cheval Origami, scultura in pelle nella speciale colorazione “giallo Milano” (nella foto di Andrea Pisapia).

 

 Il pianterreno accoglierà le proposte in seta e i profumi, oltre all’area riservata al prȇt-à-porter uomo e agli accessori, caratterizzata da un pavimento in terrazzo alla veneziana impreziosita da schegge di cristallo Saint Louis color ambra.

 

Una scala in stucco veneziano giallo condurrà al primo piano a una zona più intima per i gioielli e gli orologi, dove si troveranno anche il prȇt-à-porter donna, l’equitazione, la piccola pelletteria e il cuoio, l’art de vivre e l’art de la table.

 

La boutique, che ospiterà alcune importanti opere d’arte, è firmata da Rdai, studio di architettura parigino sotto la direzione artistica di Denis Montel.

 

 

 

stats