Associazioni

Aimpes cambia in Assopellettieri e il settore accelera all'estero (+13%)

L’Associazione italiana pellettieri Aimpes cambia nome e diventa Assopellettieri. Il presidente Riccardo Braccialini: «Un taglio netto con certa parte del passato e lo sviluppo di un percorso nuovo anche grazie a una denominazione semplice da ricordare».

 

Il cambio di denominazione è avvenuto sabato 19 maggio, in occasione dell’assemblea annuale tenutasi nella nuova sede di Confindustria Moda a Milano.

 

«Nell’arco degli ultimi tre anni - ha commentato Braccialini - molte sono state le attività compiute dalla nostra associazione, prima fra tutte l’adesione a Confindustria Moda in qualità di socio fondatore. Il percorso doveva essere concluso mediante un ultimo passaggio: un taglio netto con certa parte del passato e lo sviluppo di un percorso nuovo, anche grazie a una denominazione semplice da ricordare, autoesplicativa e in linea con quella delle associazioni confindustriali più virtuose».

 

Tre i prossimi traguardi dell'organizzazione c'è la riconquista della centralità del ruolo all’interno della propria base associativa e nel sistema moda. Un altro obiettivo è potenziare l' internazionalizzazione, anche con il progetto Mipel tailor made: un percorso che include un roadshow a Tokyo il 2 luglio, il Mipel di settembre (dal 16 al 19) e la quinta edizione di Mipel Leather Goods Showroom a Seoul.

 

Dal 1966 l'associazione rappresenta le piccole e medie imprese italiane della pelletteria. Nel 2017 il settore ha generato oltre 7 miliardi di euro di fatturato (+5,7%), di cui 7,4 miliardi realizzati all'estero (+13,2%). Il saldo commerciale è di quasi 4,7 miliardi.

 

stats