Azionariato

Gruppo Coin vende il 10% di Ovs e incassa 129 milioni

Il Gruppo Coin - cui fanno capo le insegne Coin, Excelsior Milano e Eat's - ha colloca sul mercato circa il 10% del capitale detenuto nel Gruppo Ovs a 5,68 euro per azione. L'operazione è avvenuta attraverso un accelerated book building (procedura riservata a pacchetti significativi di azioni che non vengono immessi direttamente sul mercato ma offerti a investitori istituzionali) e ha permesso di incassare circa 129 milioni di euro.

 

Come riporta Reuters, UniCredit Corporate and Investment Banking è stato il sole bookrunner, mentre Rothschild e Latham & Watkins hanno agito, rispettivamente, in qualità di financial advisor e consulente legale di Gruppo Coin.

 

La partecipazione del Gruppo Coin in Ovs è così scesa dal 52,1% al 42,1% del capitale. L'altro azionista di rilievo, con una quota poco sopra il 2%, è JPMorgan Asset Management.

 

Gruppo Coin, che è indirettamente controllato dai fondi gestiti da BC Partners, si è impegnato a non vendere altre azioni Ovs per almeno 90 giorni dal regolamento dell'offerta.

 

Stefano Beraldo, ceo di Ovs, a margine della conferenza stampa di questa mattina, 20 aprile, a Milano, dedicata al progetto Ovs-Arts of Italy (vedi news), ha commentato l'operazione a fashionmagazine.it definendola «di normale routine, trattandosi di fondi».

 

Beraldo vede l'iniziativa come un buon segnale perché aumenta il flottante del gruppo «a dimostrazione che l'azienda e il mercato funzionano». «In questo modo si fa cassa - ha aggiunto - poi si deciderà cosa fare. Non abbiamo comunque in vista operazioni particolari».

 

Intorno alle 16 il titolo Ovs registra un calo del 3,6% alla Borsa di Milano e passa di mano a 5,75 euro per azione, avvicinandosi al prezzo dell'operazione di accelerated book building. La performance del titolo a un anno è +21,4%. Il prezzo di collocamento di Ovs, nel marzo 2015, era di 4,1 euro per azione.

stats