CHILDRENSWEAR

Ice Iceberg: con Zero & Company si prepara a nuove sfide

«Ice Iceberg in versione piccole taglie è entrato nel nostro portafoglio con la primavera-estate 2017, ma l'autunno-inverno 2017/2018 può considerarsi la vera stagione d'inizio, quella che rappresenta in modo più completo il mondo della griffe»: il ceo di Zero & Company, Pasquale Vendola, parla dei progetti legati a questa licenza.

 

«Il primo obiettivo che ci siamo posti con Ice Iceberg - spiega il manager dell'azienda di childrenswear - è stato rafforzare lo spirito Iceberg all'interno delle creazioni per i più piccoli, declinate fifty/fifty tra maschio e femmina, con una fascia di età dai primi passi ai 16 anni».

 

«La primissima accoglienza da parte dei compratori, con la primavera-estate 2017, è stata favorevole - continua - non solo nel nostro Paese, dove la distribuzione wholesale conta circa 200 negozi, ma anche in aree in cui intendiamo espanderci, come il Medio Oriente, il Benelux, il Regno Unito e più in generale il Nord Europa».

 

Per ora lo zoccolo duro è il mercato italiano, dove viene realizzato il 70% del giro d'affari di Ice Iceberg bimbo, «ma nel giro di poche stagioni gli equilibri si stabilizzeranno, arrivando al 50% di estero». «Intendiamo anche sviluppare l'e-commerce - precisa Vendola - privilegiando piattaforme full price».

 

Parlando di designers' label si pensa subito a prezzi alti «ma nel caso di Ice Iceberg under 14 non è così, in quanto si è puntato alla formula "brand + price", con l'allure di contenuti moda precisi e riconoscibili, ma anche con listini ragionevoli».

 

Zero & Company ha chiuso il 2016 con ricavi pari a 18 milioni di euro (+15%) e l'obiettivo è di continuare a crescere a doppia cifra anche nel 2017. Tra le label in scuderia, con la moda infantile come core business, spiccano Carlo Pignatelli, Relish Girl, Boy London e Paciotti 4Us.

 

Non manca un marchio di proprietà, Pastello: rivolto all'ingrosso e al dettaglio organizzato, offre un'ampia gamma di prodotti per il neonato. «L'idea di aggiungere un altro tassello alle nostre collezioni aziendali è tutt'altro che remota - conclude Vendola - e se, come credo, prenderà forma, potremmo annunciare novità già con l'autunno-inverno 2018/2019, andando a colpire un segmento di mercato medio-alto» (nella foto, i ragazzini secondo Ice Iceberg, collezione autunno-inverno 2017/2018).

 

stats