COLLABORAZIONI

Ovs e Tor Vergata: «Insieme inventiamo nuovi algoritmi per aumentare l'efficienza»

La grande distribuzione fa squadra con l'università, per dare il massimo in fatto di servizio e rapidità: a dare l'esempio è Ovs, che ha avviato un anno fa una collaborazione con il dipartimento di Ingegneria Industriale dell'ateneo di Tor Vergata. Obiettivo, reinventare e perfezionare i processi di gestione delle merci. I risultati si vedono già da ora.

 

«Dobbiamo gestire più di un miliardo e mezzo di combinazioni - afferma Stefano Beraldo, a.d. di Ovs - e per farlo in maniera efficace è fondamentale che ci avvaliamo del supporto della scienza e della matematica».

 

L'intesa con la seconda università della capitale per fondazione (è nata nel 1992) è iniziata con alcuni contratti di collaborazione e ricerca. Il secondo step è stato il finanziamento per tre anni di un posto da ricercatore a tempo determinato. «Estenderemo la collaborazione con ulteriori opportunità di tesi e stage presso la nostra azienda» anticipa Beraldo.

 

A 12 mesi dai primi passi di questa partnership, dall'attività del gruppo coordinato dal professor Paolo Mancuso è scaturito il deposito di brevetti industriali e copyright relativi a nuovi processi di pianificazione, acquisto e distribuzione, con un'immediata ricaduta positiva sul business, come precisa un comunicato.

 

Insieme a Tor Vergata è stata lanciata anche un'iniziativa nell'ambito della wearable technology: un "Business Game" che ha coinvolto 100 studenti dell'ultimo anno di Ingegneria Gestionale, invitandoli a proporre soluzioni high tech per l'abbigliamento, con la possibilità per i vincitori di presentare i loro progetti al Comitato Innovazione di Ovs. Che, detto per inciso, dialoga anche con altri atenei della Penisola.

 

«È questa la giusta direzione di marcia ed è questo per noi fare "spin in" - commenta il rettore dell'Università di Tor Vergata, Giuseppe Novelli -. Il futuro per la ricerca italiana, per il nostro sistema produttivo e i giovani, sta proprio nella capacità di creare stabilmente legami sinergici tra impresa e mondo accademico, attraverso un modello innovativo di "mutua contaminazione" in cui noi scendiamo dalla cattedra e rispondiamo ai reali bisogni del mercato e degli operatori» (nella foto, il punto vendita Ovs in corso Buenos Aires a Milano).

 

stats