CONTRATTI

Golden Lady: grazie alla legge Fornero assume 1.200 persone

 

Stavolta i provvedimenti presi da Elsa Fornero durante il governo Monti hanno avuto una ricaduta positiva: infatti Golden Lady, adeguandosi alla legge firmata dall'ex ministro, ha tenuto fede all'impegno preso un anno fa con i sindacati, assumendo a tempo indeterminato oltre 1.200 addetti già operativi nella rete vendita.

 

La società di Castiglione delle Stiviere, attiva nel settore calzetteria, applicava praticamente a tutto il personale dei circa 350 monomarca italiani i cosiddetti contratti di associazione in partecipazione. Un anno fa, in seguito all'entrata in vigore della riforma Fornero, questa formula (spesso ritenuta il mascheramento di un rapporto di lavoro subordinato) era stata circoscritta alle realtà con non più di tre addetti: si imponeva quindi un adeguamento di tutte le aziende non rientranti in questa categoria alle nuove regole, anche se a oggi ben poche lo hanno fatto.

 

Golden Lady è una di queste: dopo un anno-ponte, la realtà lombarda ha mantenuto l'impegno non solo a trasformare questo tipo di contratti in altrettanti a tempo indeterminato, ma anche a regolarizzare gli apprendisti.

 

In questo modo, un organico formato soprattutto da giovani lavoratrici potrà contare sul godimento di ferie e periodi di malattia, sul TFR e sugli altri "benefit" da cui prima era escluso: non cambierà nulla nel loro tipo di occupazione, che di fatto aveva tutte le caratteristiche dell'impiego subordinato.

 

I sindacati, soddisfatti per questi sviluppi, si sono presi l'impegno di "valutare congiuntamente con Golden Lady soluzioni organizzative e contrattuali, idonee a garantire la competitività dell'azienda".

 

stats