Cariche

Jonathan Saunders lascia la guida creativa di Diane von Furstenberg

Jonathan Saunders lascia l'incarico di chief creative officer di Diane von Furstenberg con effetto immediato. Era entrato nelle fila della casa di moda nel maggio del 2016 e aveva sotto la sua supervisione tutte le categorie di prodotto, lo store e il web design, con l'obiettivo di creare una nuova corporate brand identity. Forse una decisione legata all'intenzione della Furstenberg di aprire a un socio?

 

«Sono grato a Diane per il supporto e per l'opportunità che mi ha dato di guidare un marchio così iconico - è il commento di Saunders -. Sono orgoglioso di quanto abbiamo realizzato in questi 18 mesi. Ringrazio il team per la dedizione e il supporto e continuerò a essere un amico e un ammiratore della label».

 

«Ringrazio Jonathan per il bel lavoro e per l'impegno che ha profuso nella maison. Lascia un heritage importante al marchio», è la dichiarazione di Diane von Furstenberg».

 

Come riferiscono i notiziari online odierni, la decisione di Saunders potrebbe essere legata all'annuncio recente di Diane von Furstenberg, a quanto pare intenzionata a cedere una quota della fashion house che porta il suo nome. Allo scopo ha incaricato Michael Dyens & Co. società di investment banking con sede a New York e Parigi, specializzata in fusioni e acquisizioni.

 

«È arrivato il momento di managerializzare l'azienda» è stata la dichiarazione della stilista.

 

La fashion house americana è senza ceo dal novembre 2016, quando Paolo Riva, in carica dall'aprile 2015, ha lasciato l'azienda.

 

stats