Contenziosi

Hermès: aperta un'indagine preliminare sulla scalata a opera di Lvmh

In attesa della pubblicazione dei risultati trimestrali, questa sera a mercati chiusi, per Lvmh non c'è tregua sul fronte giudiziario. Di questi giorni, infatti, la notizia che è scattata un'indagine preliminare sulla scalata che ha portato il gruppo del lusso a controllare oltre il 22% del capitale di Hermès.

 

L'annuncio dell'inchiesta, riportato da vari media francesi, viene dopo che in luglio Hermès International ha querelato Lvmh, contestando le modalità di ingresso nel capitale della maison dell'ottobre 2010 (le accuse mosse sono di manipolazione dei corsi azionari e di insider trading). Appresa la notizia ai primi di settembre, il gruppo di Bernard Arnault ha reagito facendo a sua volta causa alla griffe per calunnia, ricatto e concorrenza sleale, definendo infondate le accuse e riaffermando la legittimità dell'acquisizione. Alla Lvmh stanno inoltre attendendo con serenità l'esito delle indagini dell'Amf.

Quest'ultima, dopo avere aperto un'istruttoria nel novembre 2010, ha di recente reso noto di avere avviato una procedura sanzionatoria: per ora si sa che il dossier non sarà aperto prima del 2013.

 

In serata l'attenzione degli investitori sarà però concentrata sui numeri del terzo trimestre di Lvmh. In base alla recente pubblicazione dei risultati della controllante Christian Dior Group la società si è rivelata in ottima salute: +22% i ricavi dal primo maggio al 31 luglio, per un totale di 6,6 miliardi di euro.

 

stats