Contraffazione

Risarcimento milionario per Moose Knuckles: 26 imputati su siti "canaglia"

Un tribunale federale di Chicago ha riconosciuto al marchio di outerwear canadese Moose Knuckles un risarcimento danni di 52 milioni di dollari statunitensi, in un processo contro 26 imputati con base in Cina, tutti riconosciuti colpevoli di vendere abbigliamento e accessori contraffatti della label.

 

Oltre al risarcimento il tribunale ha ordinato che i 33 nomi di dominio usati dagli imputati siano definitivamente bloccati e trasferiti a Moose International.

 

Ciascuno dei siti web "canaglia" è stato concepito per sembrare un portale di Moose Knuckles a tutti gli effetti o un rivenditore autorizzato. I contraffattori copiavano immagini di marketing, di prodotti e descrizioni dettagliate dei prodotti direttamente dal portale ufficiale del marchio. Per non essere scoperti operavano sotto molteplici identità false e incomplete.

 

«Purtroppo Internet fornisce ai contraffattori il vantaggio dell'anonimato, insieme alla possibilità di impostare più negozi web comodamente e rapidamente, con i quali operano da sedi estere fuori dalla portata delle autorità statunitensi o canadesi - ha dichiarato Brad Evans, un responsabile dell’Anti-Counterfeiting Strategy Group, consulente di Moose Knuckles in questa causa -. Risarcimenti dei tribunali come questo consentono alle aziende che rispettano le regole di disattivare i siti web 'canaglia' e congelare i beni dei falsari. Ci stiamo riprendendo parte di quel vantaggio».

 

stats