Crac

Burani: Walter e Giovanni condannati a sei anni

Walter e Giovanni Burani sono stati condannati a sei anni per bancarotta fraudolenta. Padre e figlio, rispettivamente presidente e amministratore delegato della Mariella Burani Fashion Group erano imputati nel processo per il crac del gruppo di moda di Cavriago. Una ''bancarotta da antologia'',  l'ha definita il pm di Milano Luigi Orsi.

 

Al centro del processo il fallimento delle tre società Mariella Burani Fashion Group, Mariella Burani family holding e Burani Designer Holding. La sentenza è stata emessa dai giudici della terza sezione penale del Tribunale di Milano. Il pubblico ministero aveva chiesto per entrambi gli imprenditori una condanna a nove anni di reclusione ciascuno.

 

Le motivazioni del verdetto saranno note solo tra 90 giorni, ma è plausibile che l'alleggerimento della pena sia dovuto al buon comportamento processuale dei Burani (sempre presenti in aula nel corso del processo e anche oggi per la sentenza) e di alcuni risarcimenti. Oltre alla reclusione i giudici hanno anche condannato Walter e Giovanni Burani a versare un totale di 13 milioni di euro, in favore delle curatele fallimentari delle tre società coinvolte nel crac e di due fondi.   

 

Walter e Giovanni Burani sono stati arrestati il 28 luglio del 2010: il figlio finì in carcere e il padre ai domiciliari.

stats