Crisi

Phard: ancora in difficoltà l'azienda di Nola

Slitta a fine mese la presentazione del piano di ristrutturazione del debito di Phard ai creditori. Solo un anno fa il management aveva annunciato il rilancio dell'azienda.

 

Nel giugno del 2012, dopo anni difficili, il Gruppo Phard aveva siglato un accordo di ristrutturazione del debito con il sistema bancario, che aveva comportato un radicale cambiamento nella compagine azionaria. Per effetto dell'intesa, il management era divenuto proprietario di una quota pari al 98%, mentre ai precedenti soci era rimasto il 2%. Allora vennero annunciati grandi cambiamenti e una riorganizzazione aziendale radicale.

 

Ma ad aprile di quest'anno, Phard ha presentato la richiesta di concordato cosiddetto in bianco, come si legge su fashionunited.it,. Ciò vuol dire che se i creditori accetteranno un accordo di ristrutturazione del debito, non si procederà al concordato preventivo. Si attende ora la fine del mese per capire quale sarà il destino della realtà con sede a Nola.

 

stats