Crisi

Sixty: nulla di deciso per il momento. Prossimo confronto, il 9 gennaio

Nulla di deciso a Roma l'altroieri, nel corso dell'ennesimo incontro presso il ministero delle Sviluppo Economico dedicato alla vertenza Sixty. La proprietà conferma l'intenzione di ripartire con una newco che coinvolga solo 50 dipendenti. Ma i sindacati non ci stanno.

 

Chiesto inoltre un rinvio di due mesi per presentare il nuovo piano industriale e per poter approdare al concordato in continuità. Prossimo step della querelle sarà il 9 gennaio, quando sindacati e azienda si incontreranno nella sede di Confindustria, a Chieti, per valutare ipotesi di fattiva collaborazione. Ma le parti sociali sono ferme sulle loro posizioni: "50 dipendenti su 400 sono troppo pochi! - denunciano le maestranze -. Così non ci sono i termini per intavolare fruttuose trattative.

 

stats