DESIGN

Kartell: a 64 anni fa il giro del mondo

 

Cina, Medio Oriente, Brasile e oltre: non si ferma l'espansione di Kartell, che può contare su un 75% dei ricavi realizzato all'estero, in oltre 130 Paesi.

 

Nella Repubblica Popolare la "design factory" fondata nel 1949 dall'ingegnere chimico Giulio Castelli ha firmato una joint venture con Gold Bond Enterprises, che ha dato vita alla società Gb Kart Ltd: i primi due opening sono stati messi a segno nella seconda metà del 2013 a Pechino e Shanghai, rispettivamente al Sanlitun Village e allo Iapm shopping mall, seguiti da altri negozi, ancora a Shanghai e a Chengdu.

 

Quattro vetrine in poco più di sei mesi, per imprimere fin dall'inizio un ritmo intenso alle aperture, che dovrebbero raggiungere quota 50 entro cinque anni.

 

Nel Middle East, affrontato in tandem con Chalhoub Group da inizio 2013, le tappe salienti di inizio 2014 sono Doha e Dubai, dove volgono al termine i lavori per l'avvio di due flagship.

 

Il Brasile ha salutato a fine novembre una "Kartell maratona", con l'inaugurazione in un'unica settimana di punti vendita a Recife, Santo André e Curitiba e la prospettiva di posizionare il marchio presso una cinquantina di distributori di alta gamma. Vetrine Kartell si trovano inoltre a San Paolo, Rio de Janeiro, Santos e Goiânia.

 

Il giro del mondo non finisce qui: da settembre a dicembre 2013 Kartell si è insediato in Germania (a Stoccarda), Spagna (a Valencia e Barcellona), Sudafrica (a Johannesburg), Messico (a Monterrey), Turchia (a Istanbul) e nel Portorico.

 

Anche il prodotto si evolve: in occasione del prossimo Salone del Mobile sarà presentato il primo progetto completo e integrato per il bagno, Kartell by Laufen (#KartellbyLaufen), il primo progetto completo e integrato per il bagno, frutto della sinergia con il marchio svizzero Laufen.

 

stats