DICHIARAZIONI

Frida Giannini: «Un passo indietro? Magari a 60 anni»

 

Nel 2015 Frida Giannini festeggerà dieci anni alla guida creativa di Gucci. Prima di allora gli impegni sono numerosi, a partire dall'imminente viaggio in Brasile. Una vita frenetica, appassionante e ricca di soddisfazioni, la sua. «Ho ancora tanto da dare - dice - ma quando, magari a 60 anni, arriverà il momento di fare un passo indietro, non sarà un problema».

 

Intervistata da wwd.com, la designer racconta la sua vita di super stilista, ma anche super mamma della piccola Greta, 14 mesi, il cui papà è il presidente e ceo della griffe, Patrizio di Marco.

 

«Un figlio era per me il tassello mancante» spiega. L'arrivo di Greta ha rappresentato anche una rinascita dopo un periodo difficile per Frida che, senza troppi clamori, ha affrontato e vinto la battaglia contro un tumore, senza autocompiangersi e contando sulla sua proverbiale forza di carattere.

 

«Mi chiamano "romana svizzera"» confida, perché nella sua personalità confluiscono una solarità e disponibilità tipicamente italiane e la precisione, la serietà, il non lasciare mai niente al caso. Doti che le permettono di stare salda al timone di uno staff di un'ottantina di persone.

 

Tra i progetti in cantiere per il marchio della doppia G, il lancio dei cosmetici con Charlotte Casiraghi («Una donna reale, con una storia, non solo una modella») come testimonial, «ma mi piacerebbe cimentarmi, prima o poi, in una linea casa». Le basi ci sono: la passione per il design e i mobili e il fatto che Gucci ha acquisito l'anno scorso la Richard Ginori, simbolo dell'eccellenza toscana nelle ceramiche.

 

Per ora si tratta di un sogno nel cassetto, domani si vedrà. A giorni Frida Giannini partirà per il Brasile, per una cena in suo onore organizzata a San Paolo da Iguatemi Group, nel cui mall saranno esposti alcuni pezzi del Gucci Museo.

 

La tappa successiva, il 3 giugno, sarà la presentazione della cruise collection a New York, dove il 4 è prevista una serata con Charlotte Casiraghi nel ruolo di special guest. Il 23 la stilista sarà a Milano, in occasione della sfilata del menswear Gucci e in ottobre taglierà il nastro di un flagship a Mosca. All'interno di un calendario irto di appuntamenti, c'è spazio anche per trasferte legate all'impegno umanitario, parte integrante delle sue priorità e di quelle del brand.

 

Sui rumor che, ciclicamente, la danno per dimissionaria, Frida Giannini spende poche parole: «Sono indiscrezioni che si alimentano da sé e François-Henri Pinault (numero uno del Gruppo Kering, di cui Gucci fa parte, ndr) si è premurato di venirmi a trovare a Roma per rassicurarmi. Temeva che non potessi lavorare serenamente».

 

Ma l'attaccamento al lavoro non esclude la consapevolezza che ogni cosa ha il suo tempo. «Se qualcuno mi chiedesse se sarò qui a 60 anni, risponderei di no - precisa -. Credo che a un certo punto il cambiamento sia necessario e che si debba fare spazio alle nuove generazioni» (nella foto, Frida Giannini immortalata da Milan Vukmirovic). 

 

stats