DICHIARAZIONI

Renzi al Salone del Mobile: «L'Italia, un Paese portatore sano di bellezza»

 

Dopo aver visitato Vinitaly a Verona, Matteo Renzi ha fatto tappa oggi, 11 aprile, al Salone del Mobile di Milano. «Voglio esprimere innanzitutto gratitudine da parte del Governo - ha detto - perché qui non c'è rassegnazione o stanchezza ma un'Italia viva, la dimostrazione che ce la possiamo e dobbiamo fare».

 

«Il nostro impegno - ha proseguito - è considerare il settore come un pezzo dell'economia reale, sostenendo una violenta lotta alla burocrazia. In Italia il vero problema non sono gli F35 ma gli F24».

 

Renzi ha insistito sulle riforme, «che serviranno a restituire valore, bellezza e dignità al lavoro: una nuova legge elettorale in base alla quale vince chi davvero vince, la riduzione di costi e posti della politica e la semplificazione del rapporto tra Stato e regioni».

 

Il design è rappresentante di un Paese, secondo il premier, che è «un portatore sano di bellezza», un asset fondamentale per restituire fascino al nostro Paese, in attesa dell'Expo 2015. «Abbiamo davanti un anno - ha sottolineato - prima di questo grande appuntamento, che arriverà dopo il semestre europeo, durante il quale chiederemo all'Ue di cambiare le regole improntate sull'austerità e di formulare ricette in grado di tenere insieme riforme e crescita».

 

«Nel secondo semestre faremo sentire all'Europa la voce dell'Italia» ha assicurato, concludendo: «Vi do appuntamento fra un anno. Tra 12 mesi vedremo se ci sono dei risultati. Altrimenti saremo anche noi dei chiacchieroni» (nella foto, Renzi all'uscita della conferenza stampa). 

 

stats