DIVORZI

Courrèges: escono Sébastien Meyer e Arnaud Vaillant

Dopo soli due anni termina «di comune accordo» il sodalizio tra Courrèges e i direttori creativi Sébastien Meyer e Arnaud Vaillant. Il presidente della griffe, François Le Ménahèze - nominato lo scorso aprile - si è limitato a dire che il prima possibile si avranno aggiornamenti.

 

Meyer e Vaillant, artefici della label Coperni e tra gli otto finalisti dell'Lvmh Prize nel 2015, nello stesso anno avevano fatto il proprio ingresso nella maison, con l'obiettivo di attualizzarne i contenuti stilistici.

 

La loro collaborazione si ferma con la collezione autunno-inverno 2017/2018. Per quanto riguarda il futuro non si sa molto, se non che «si dedicheranno a nuovi progetti», forse al rilancio di Coperni.

 

Il marchio è nato nel 1963 su iniziativa di André Courrèges - ingegnere civile e pilota di aerei durante la seconda guerra mondiale, ma anche esperto di moda grazie all'esperienza presso Cristobal Balenciaga nel dopoguerra - e della moglie Coqueline Barrière.

 

Dopo diverse vicissitudini societarie - che hanno visto il fondatore dapprima cedere la maggioranza alla giapponese Itokin e successivamente riprenderne le redini -, nel 2011 la casa di moda è passata a Jacques Bungert e Frédéric Torloting, ex Young & Rubicam.

 

Nel 2015, un anno prima della scomparsa di André Courrèges, la holding della famiglia Pinault, Artemis, ha rilevato una quota di minoranza (nella foto di Ezra Petronio, Arnaud Vaillant e Sébastien Meyer).

 

stats