Divorzi

Marc Jacobs lascia Louis Vuitton

Marc Jacobs lascia Louis Vuitton. La sfilata di oggi, infatti, è stata l'ultima realizzata dallo stilista americano per il marchio francese, ponendo fine di fatto a una relazione di 16 anni. In prima fila ad assistere all'ultimo spettacolo dello stilista americano la famiglia Arnault al gran completo. Ora Jacobs si dedicherà al suo marchio (che vuole portare in Borsa), mentre nessun successore è stato ufficializzato, anche se si fa sempre più strada il nome di Nicolas Ghesquière.

 

La notizia è stata confermata dal presidente e ceo di Lvmh Bernard Arnault a wwd.com dieci minuti dopo la fine dello show (nella foto), dedicato alla primavera-estate 2014 e che ha visto sfilare look total black e capi in denim.



Secondo quanto si apprende, l’accordo tra il gruppo Lvmh e Jacobs prevede che il designer lasci la direzione creativa della griffe per concentrarsi sulla preparazione dell’Ipo del brand Jacobs, nel cui capitale Lvmh ha una quota e sul quale proseguirà gli investimenti. Lo sbarco in Borsa dovrebbe avvenire entro i prossimi tre anni.

 

Nei giorni scorsi il settimanale economico francese Challenge aveva fatto sapere che il contratto in scadenza dello stilista americano, dal 1997 da Louis Vuitton,  "avrebbe potuto non essere rinnovato", confermando le voci degli ultimi mesi. Tra i possibili successori circola il nome di Nicolas Ghesquière che l'anno scorso ha lasciato Balenciaga (gruppo Kering, ex Ppr) ed è molto vicino a Delphine Arnault, figlia di Bernard Arnault, e numero due di Louis Vuitton.

 

Nel corso dei 16 anni alla guida della griffe del Monogram, Jacobs ha introdotto la linea di ready-to-wear. Prima del suo arrivo, l'etichetta era conosciuta solo per i suoi prodotti in pelle e le borse da viaggio. Sempre a lui si devono le collaborazioni artistiche della maison, grazie alla collaborazione con artisti come Stephen Sprouse, Takashi Murakami e Yayoi Kusama.

 

stats