E-COMMERCE

A Giglio Group il 100% di Evolve, controllata da Tessilform (Patrizia Pepe). Al via ibox

Giglio Group, società attiva nel settore del broadcast radio televisivo e nell’e-commerce b2b della moda, ha definito oggi, 15 febbraio, l’acquisizione del 100% di Evolve Service SA (Gruppo Evolve), società di diritto svizzero, che ha come azionista di controllo Tessilform Spa, a cui fa capo Patrizia Pepe.

 

Con l’incorporazione di Evolve - e-commerce service provider che supporta gli e-shop di importanti brand del fashion e del design - Giglio Group ha tutti i presupposti per lanciare il suo progetto di e-commerce 4.0, battezzato ibox.

 

Alessandro Giglio, presidente e fondatore di Giglio Group nel 2003, ha definito ibox un modello totalmente innovativo nell’attuale panorama dell’e-commerce: «ibox sta all’e-commerce come l'iPhone 8 sta al vecchio StarTac della Motorola», ha detto alla conferenza stampa di presentazione.

 

Grazie alla varie business unit presenti all’interno del gruppo (Giglio Media, che con i suoi canali digitali raggiunge ogni giorno 150 milioni di persone, M-Three Satcom, che fornisce servizi e soluzioni per il settore del broadcast radio televisivo e Giglio Fashion, fondata nel 2012 con l’obiettivo di traghettare gli stock delle aziende di moda verso i siti di flash sale) e alle competenze della neo-acquisita Evolve, il gruppo lancia un modello circolare di e-commerce, un e-commerce 4.0, che include l’utilizzo del mezzo televisivo.

 

Alla base di questo progetto c’è la consapevolezza che multicanalità non significhi solo integrazione dei canali distributivi tradizionali e digitali ma realizzazione di una correlazione diretta fra vendite e comunicazione, con la possibilità concreta di trasformare i telespettatori in consumatori. Guardando uno spot o una trasmissione in tv sarà possibile fotografare un capo e istantaneamente accedere alla piattaforma di e-commerce in cui acquistarlo.

 

Giglio Group chiude il 2016 con ricavi a 34,7 milioni di euro, in crescita del 152% sul 2015, un ebitda a 8 milioni di euro, in salita del 67% e un utile netto di 1,7 milioni di euro, in miglioramento del 69%.

 

Evolve, che ha archiviato il bilancio 2015 con ricavi pari a 33 milioni di euro, stima di concludere il 2016 con un fatturato di 49 milioni di euro e un ebitda a 1,4 milioni di euro, con una posizione di cassa pari a 1,5 milioni di euro. Fra gli e-shop che segue ci sono quelli di Max Mara, Alessi, Brics, Pinko, Moleskine, Golden Goose, Patrizia Pepe, Ermanno Scervino e Stefano Ricci.

 

Il controvalore dell’operazione di acquisizione è pari a 5,4 milioni di euro, di cui 1,5 milioni cash, da pagarsi alla data del closing utilizzando disponibilità proprie e 3,9 milioni di euro tramite l’emissione di 1.222.000 nuove azioni Giglio Group riservate agli attuali azionisti di Evolve (prezzo implicito per azione pari a 3,2 euro). (nella foto, uno dei canali di Giglio Media)

 

 

stats