E-COMMERCE

Alibaba: «L'anno prossimo i ricavi saliranno del 49%»

Non si ferma l'escalation di Alibaba. Come ha dichiarato la chief financial officer Maggie Wu, nel 2018 l'e-tailer cinese vedrà i ricavi crescere in un range compreso tra il +45% e il +49%, ossia 10 punti percentuali in più rispetto al consensus degli analisti.

 

Le dichiarazioni, riportate tra gli altri da wwd.com, sono emerse da un meeting di due giorni con gli investitori a Huangzhou, dove si trova il quartier generale cinese della società, che ha archiviato l'ultimo trimestre con un giro d'affari di 38,57 miliardi di renminbi, ossia 5,6 miliardi di dollari (+60%), ma con utili meno brillanti del previsto, anche a causa delle tasse elevate.

 

Nell'anno terminato il 31 marzo il colosso dell'e-commerce ha riportato vendite per 158,3 miliardi di renminbi (oltre 23 miliardi di dollari), con un incremento del 56% sul 2015: un risultato oltre le più rosee aspettative, che ipotizzavano inizialmente un +48% e in un secondo momento un +53%.

 

Un balzo in avanti che, come ha spiegato Maggie Wu, è da attribuire principalmente al retail business in madrepatria.

 

Ma anche in casa Alibaba c'è un tallone d'Achille: il suo nome è YunOS ed è il sistema operativo per mobile - lanciato nel 2011 ed entrato a far parte della divisione "cloud computing" lo scorso febbraio - sul quale il patron Jack Ma dovrà rispondere in una conferenza prevista per venerdì 9 giugno.

 

Ci si aspettava che già l'anno scorso raggiungesse una quota sul mercato domestico del 25% circa e invece pare non sia andato oltre a un 2,2%.

 

Per ora, dunque, Jack Ma e i suoi non sono riusciti in questo campo a scalfire il primato di Tencent e della sua app multitasking WeChat

 

stats