E-COMMERCE

Granjon (vente-privee.com): "Questo per noi è solo l'inizio dell'avventura"

Vente-privée.com archivia il 2012 con un bilancio record di 1,3 miliardi di euro, che segna una crescita del 22% sull'esercizio precedente. Jacques-Antoine Granjon, presidente e direttore generale dell'azienda leader delle vendite-evento online, vuole ora potenziare la propria presenza in Europa, sviluppare nuovi settori, intensificare l'attività nel mondo dello spettacolo. E dall'agenda 2013 spuntano iniziative di co-branding, nonché un progetto con il dj francese Bob Sinclar.

 

Non basta dunque a Jag, come lo chiamano tutti, aver triplicato il turnover negli ultimi cinque anni, aver fatto della sua vetrina web il negozio più frequentato in Francia (2,5 milioni di visitatori al giorno, più di Carrefour o Galeries Lafayette), aver totalizzato 18 milioni di membri (tanto quanto, per esempio, gli abitanti del Portogallo) o aver messo a punto una squadra di 1.800 dipendenti, 536 dei quali assunti solo lo scorso anno per sostenere la crescita.

 

“Questo è solo l'inizio dell'avventura - dice -. Possiamo fare di più. Attualmente realizziamo il nostro business per l'80% in Francia, ma l'obiettivo è arrivare nei prossimi tre anni a livellare il peso tra mercato interno ed estero”. Col mirino puntato essenzialmente sul Vecchio Continente, dove sono già otto i Paesi su cui le vendite risultano attive (Francia, Spagna, Germania, Italia, Regno Unito, Austria, Belgio e Paesi Bassi).

 

“Al momento non ci interessano i mercati emergenti, troppo complicati - continua -.Tuttavia, continueremo a investire sugli Stati Uniti, dove siamo approdati nel novembre 2011 in partnership con American Express, sebbene consapevoli delle difficoltà legate a una diversa visione del commercio online”. Nel 2012 il giro d'affari della francese in territorio americano è pari a 25 milioni di dollari e 600 mila sono i membri iscritti alle vendite.

 

I piani di sviluppo contemplano anche l'incremento delle categorie merceologiche, attualmente 35 per 2mila marchi, con particolare attenzione alle app (il 26% del giro d'affari passa oggi attraverso il mobile commerce), al tempo libero, alla cultura, al mondo della musica.

 

Non è un caso, infatti, se Granjon ha appena acquisito la quota di maggioranza della società di gestione del Théâtre de Paris, storico sipario della capitale, operazione che consentirà a vente-privee.com di essere direttamente coinvolta nell'intero processo artistico: dallo scouting alla vendita di album e biglietti per concerti, fino alla produzione di spettacoli. E in quest'ambito si colloca un progetto con Bob Sinclar, di cui Jag tiene ancora top secret i dettagli.

 

La moda, a questo punto, pesa per il 50% circa sulle vendite e, sebbene vente-privée.com sia il  fashion group preferito dai francesi, i piani futuri non prevedono l'ingresso diretto in campo: “Siamo talmente rispettosi dei brand con i quali lavoriamo che escludo di entrare in competizione con loro attraverso il lancio di una nostra linea - tiene a precisare il pdg -. C'è invece apertura nei confronti del co-branding, per la creazione di capsule collection, che coinvolga attori della moda e del lusso. Un primo passo è stato già fatto con l'olio prodotto con Oliviers & Co”.

 

In Italia vente-privée.com è presente dal 2008; nel 2012 sono state organizzate 917 vendite-evento (+80% sul 2011) e venduti 1,8 milioni di prodotti (60 milioni il totale in Europa). Al gennaio 2013 i membri registrati risultano 1,3 milioni e 290 sono i marchi tricolore partner.

 

stats