E-COMMERCE

Obiettivo 500 milioni di euro per Showroomprive nel 2014

Showroomprive - il sito di vendite-evento nato in Francia nel 2006 e ora presente con piattaforme dedicate anche in Italia, Spagna, Portogallo, Olanda, Belgio, Regno Unito e Polonia - prevede di chiudere il 2013 con un fatturato di 350 milioni di euro, in crescita del 45% sul 2012, grazie ai 13 milioni di soci che in Europa seguono online le sue proposte di shopping.

 

Si va dalle cinque alle sette nuove vendite al giorno di articoli di collezioni precedenti, scontati dal 50 al 70%: offerte che rimangono disponibili dai quattro ai sei giorni. Al termine di queste campagne, la società ritira i prodotti dalle aziende e si incarica di venderli e consegnarli ai soci, ricavandone dei margini. “Un business model che permette ai brand di smaltire il magazzino, raggiungendo, in modo rapido e discreto, un target qualificato”,  precisa Stefano Zanetti, a capo del marketing internazionale di Showroomprive.

 

Attualmente la moda pesa per il 70% sul fatturato generato dai vari siti locali della società francese, che tuttavia si è aperta nel tempo anche ad altre merceologie, inclusi i vini e il turismo. Oggi il 70/75% dei volumi sono realizzati nel Paese di origine, ma è destinata a crescere la quota sviluppata all’estero, grazie anche alla prossima apertura ai Paesi del Nord e dell’Est Europa. In Italia, in particolare, i membri sono un milione e mezzo e nel 2012 si è ottenuto un turnover di 20 milioni di euro.

 

“La logistica è fondamentale nell’e-commerce - afferma Stefano Zanetti -. Può fare davvero la differenza. Il 40% delle vendite da noi effettuate ha un particolare bollino che garantisce la consegna in 72 ore. In questi casi lo stock viene acquistato prima dalle aziende ed è già presente nei nostri magazzini”.

 

Un altro aspetto su cui Showroomprive punta e investe molto è il mobile: nel 2013 il 35% del fatturato globale e il 40% del traffico sui siti dell’e-tailer è derivato da dispositivi mobili. La società lavora di continuo alla messa a punto di applicazioni che migliorino la grafica e l’ergonomia della navigazione da smartphone e tablet.

 

L’obiettivo per l’e-company è di raggiungere 500 milioni di euro di giro d’affari nel 2014. (Nella foto, Stefano Zanetti)

 

 

stats