E-commerce

La Borsa non apprezza le decisioni di investimento di Asos

L'internet fashion retailer Asos perde quota alla Borsa di Londra, dopo l'annuncio che aumenterà gli investimenti (68 milioni di sterline nel corso di quest'anno, dalla precedente stima di 55 milioni) e quindi vedrà ridotto l'ebit margin al 6,5% (contro il 7% atteso dagli analisti).

 

Con headquarters in Camden, a nord di Londra, Asos ha una piattaforma online declinata non solo per il mercato britannico ma anche per Francia, Germania, Spagna, Italia, Russia, Cina, Usa e Australia. Nei numeri di fine febbraio, il sito attrae 71 milioni di visitatori mensili (dai 52 milioni del febbraio 2013) e conta 8,2 milioni di clienti attivi (dai precedenti 6 milioni), di cui 3,2 milioni residenti in Regno Unito.

 

Nel primo semestre terminato il 28 febbraio (il bilancio chiude a fine agosto), la società ha totalizzato 481,7 milioni di sterline di ricavi, in aumento del 34% rispetto ai primi sei mesi dell'esercizio precedente, per effetto del +32% sul mercato domestico e del +35% sui mercati esteri (61% delle vendite totali). Nel periodo il margine lordo è salito di 60 punti base. Nei primi due mesi del 2014 il turnover è salito del 21% a 48,3 milioni di sterline e il margine lordo è aumentato di 30 punti base.

 

Nonostante queste performance, il mercato azionario non sembra apprezzare l'annuncio, fatto dal ceo Nick Robertson, di un'accelerazione negli investimenti (68 milioni di sterline), finalizzata a incrementare la capacità di vendita. Dall'inizio della seduta, alla Borsa di Londra, sulle azioni Asos prevalgono le vendite e mentre gli scambi si avviano al termine il titolo passa di mano poco sopra le 5,6 sterline in calo di oltre il 10% rispetto alla chiusura di ieri.

 

stats