E-commerce

Natalie Massenet raggiunge i 75 milioni di dollari con il venture capital

Con Imaginary Venture è iniziata un'altra avventura nell'e-commerce per la creatrice di Net-a-Porter, Natalie Massenet. Nel ruolo di venture capitalist, insieme a Nick Brown (investitore in start-up del settore consumer), ha raccolto con il primo fondo 75 milioni di dollari.

 

Le aziende che interessano a Imaginary Venture sono retail tech innovative al debutto in settori che spaziano dal wellness al cibo e bevande, dal lifestyle alla moda.

 

Brown è managing partner di Imaginary, con sede a New York, dal gennaio 2017 e in precedenza è stato per oltre cinque anni partner della società newyorchese di venture capital 14W (Moda Operandi e Business of Fashion, per citare un paio di investimenti) e uno dei primi investitori dell'e-commerce di occhiali Warby Parker.

 

Tra i sostenitori dell'iniziativa di Massenet e Brown vi sarebbero Tom e Ruth Chapman, co-fondatori di Matchesfashion.com, e Rick Caruso del Caruso Real Estate Group.

 

Il portafoglio di Imaginary include Glossier, che vende prodotti di bellezza ai Millennial, la moda sostenibile di Los Angeles Reformation, il marchio di underwear Heist, la lebel di abbigliamento Good American fondata da Khloe Kardashian e Emma Grede, il marchio di moda etica Everlane e il marketplace online Farfetch, dove Massenet è co-chairman non esecutivo.

 

Nel team di Imaginary figurano anche Kelly Dill, che in precedenza si è occupata di strategic finance per Glossier e Uber, e Lucy Loveless, che prima si è occupata di comunicazione da Time Warner e di risorse umane presso l'emittente Hbo.

 

stats