EVENTI

D2D: successo per la seconda edizione. La terza a novembre

Chiude con segno positivo l'iniziativa D2D - Designers to Distributors, creata da Assomoda in partnership con Zanettistudios. Nella nuova location - il temporary showroom Edit di Milano - crescono le opportunità di business tra le aziende della moda e i professionisti della distribuzione.

 

L'evento, che si è tenuto ieri al 14 di via Maroncelli (nella foto di Massimo De Ceglie), ha raccolto 11 realtà italiane attive in diversi ambiti del fashion (abbigliamento uomo e donna ma anche gioielli, borse, scarpe, cappelli e calze), contro le 8 della prima edizione. La società di consulenza Zanettistudios le ha selezionate tra 30 candidati «tenendo conto, come parametro, dell'eccellenza», precisa Giancarlo Zanetti.

 

Assomoda ha organizzato per loro una serie di incontri con agenti e distributori italiani «che di solito, proprio in questo periodo, rinnovano il portafoglio»,  racconta Massimo Costa, segretario generale dell'associazione di categoria. «Lo scorso anno il 75% dei partecipanti ha trovato un distributore e, da una prima stima, anche la gran parte delle aziende di questa edizione ha trovato un partner commerciale».

 

Di certo alcuni brand avranno l'opportunità di essere presenti in note showroom e di essere commercializzati in temporary shop. D2D prevede infatti l'assegnazione di premi concreti, per i marchi scelti da una giuria di Assomoda. Le calzature di lusso Racine Carée e l'abbigliamento Mario Borean si sono aggiudicati la presenza, per una stagione, presso la showroom Sari Spazio. Le borse Kilesa entreranno invece nella showroom Parini 11 e saranno vendute nel temporary store milanese Shop & Event insieme a un altro brand selezionato dagli agenti, i gioielli Touscé

 

D2D dà appuntamento a novembre. E Giancarlo Zanetti non esclude, per quella data, la partecipazione di fashion company estere.

 

stats