Eyewear

Belloni (Lvmh): «L'Italia? Un Paese strategico per il gruppo»

«Thélios testimonia la forte volontà del gruppo Lvmh di investire nel patrimonio economico italiano e nel suo sviluppo»: lo ha dichiarato Toni Belloni (nella foto, a sinistra), direttore generale delegato del gruppo francese, all'inaugurazione della manifattura di occhiali di Longarone, in partnership con il produttore di occhiali Marcolin.

 

«L'Italia è un Paese strategico per il gruppo», ha ribadito Belloni oggi (24 aprile), al taglio del nastro della sede della newco, che permette al colosso francese di entrare direttamente nel business degli occhiali - in analogia con il rivale Kering, che ha creato Kering Eyewear -, seguendo «dal brief creativo iniziale al design 3D alla realizzazione finale, passando per l'elaborazione del prototipo».

 

Lvmh è arrivato a contare in Italia 23 siti produttivi e negli ultimi cinque anni ha investito 600 milioni di euro per rafforzare la produzione nel nostro Paese.

 

La joint venture fra Lvmh (51% del capitale) e Marcolin (49%) conta al suo esordio 245 dipendenti, di cui 100 all'interno della manifattura. Il business parte con collaborazioni con i marchi Céline, Loewe e Fred.

 

«Il nostro intento - ha spiegato il ceo di Thélios, Giovanni Zoppas (a destra nela foto) - è di proiettarci nel futuro, valorizzando un savoir-faire frutto di una lunga tradizione. La manifattura coniuga l’amore per gli oggetti di qualità, l’innovazione e il rispetto di un patrimonio culturale proprio della regione».

 

Non a caso, il quartier generale italiano è stato progettato dello studio Designgroup Architetti Associati secondo i principi della sostenibilità ed eco-responsabilità che hanno previsto, tra gli accorgimenti, l'installazione di oltre 2.300 pannelli solari sul tetto.

 

stats