FISCAL YEAR

Furla: nel 2013 cresce del 7% e aumenta i posti di lavoro

Furla continua a correre. L'azienda di pelletteria chiude l'esercizio 2013 a quota 228 milioni di euro, con un incremento sul 2012 del 7% a cambi correnti e del 14,5% a cambi costanti. Pari al +45% l'incremento negli ultimi tre anni. Cresce del 10% anche l'occupazione, con oltre 1.100 dipendenti.

 

Risultati ottenuti grazie a una strategia di costante espansione globale, con un biennio 2012/2013 in forte accelerazione grazie a restyling di negozi (con il nuovo store concept messo a punto a metà del 2012) e a new opening. In totale sono state 167 le iniziative retail portate a termine, di cui 97 nel 2013 (51 nuove aperture e 46 rinnovi) e 70 nel 2012 (13 inaugurazioni e 57 reopening).

 

La ripartizione del fatturato su scala globale conferma la vocazione internazionale del gruppo: 24% in Italia (con un +8% sul 2012) e 76% all'estero, di cui il 30% in Emea, 23% in Giappone (a cambio costante il mercato nipponico registra una crescita, dal 2010 a oggi, del 50%), 14% Apac e 9% Usa.

 

Furla è attualmente presente in 100 Paesi con un totale di 344 negozi monomarca, di cui 164 a gestione diretta e 180 in franchising. Capillare anche la presenza wholesale, con oltre 1.100 punti vendita fra multimarca e department store.

 

Balzo in avanti, nel 2013, inoltre per l'e-commerce (+41%) e per il travel retail (+37%), segmento che conta sulla presenza nei principali scali aeroportuali, passati dai 33 del 2010 ai 175 attuali, dislocati in 44 Paesi.

 

Lo sviluppo dell'azienda ha portato anche a una crescita occupazionale. Nel 2013 i dipendenti hanno oltrepassato le 1.100 unità, con un aumento del 10% rispetto al 2012. Di particolare rilievo la quota "rosa", perché il 95% delle persone che lavorano in azienda sono donne di oltre 100 nazionalità diverse (33 solo in Italia), con un'età media di 36 anni (nella foto, Eraldo Poletto, a.d. del brand).

 

stats