Fiscal year 2016

Pepe Jeans: profitti oltre i 12 milioni di euro (+39%)

Inversione di rotta nel 2016 per i profitti del gruppo Pepe Jeans. Dopo un 2015 all'insegna della riorganizzazione dell'azionariato - con l'ingresso del fondo libanese M1, che controlla il marchio - segnato da un calo dell'utile netto, nell'esercizio 2016 (chiuso lo scorso marzo) l'azienda spagnola ha registrato un balzo del 39% dei profitti. In leggero decremento le vendite.


Come riferisce il notiziario online modaes.es, il gruppo, cui fanno capo i brand Pepe Jeans e Hackett, ha totalizzato un utile netto di 12,24 milioni di euro, in decisa progressione rispetto agli 8,79 milioni di euro dell'anno precedente. Il margine operativo lordo è stato di 65,69 milioni di euro, in discesa del 7,78%.

 

A fine 2016 le vendite del gruppo hanno raggiunto i 542,78 milioni di euro, con un leggero calo dell'1,54%, rispetto ai 551 milioni dell'anno precedente. Con un margine lordo flat nell'ultimo anno (del 53,5%), Pepe Jeans ha realizzato oltre il 50% delle vendite tramite i multimarca, per un totale di 274 milioni di euro. Il retail ha coperto quasi il 38% del giro di affari della società, pari a 206 milioni di euro.
 

In particolare l'etichetta Pepe Jeans ha archiviato l'esercizio in positivo, per quanto riguarda sia l'ebitda sia il risultato netto. Hackett invece ha registrato un +19% dell'ebitda, ma ha chiuso in rosso, per un totale di 8,76 milioni di euro.

 

Nel fiscal year 2016 Pepe Jeans ha rimpolpato il business acquisendo la gestione del marchio di moda francese Façonnable, (controllato da M1) che ha dato slancio al suo business internazionale. In più distribuisce in Spagna i brand Tommy Hilfiger, Ck di Calvin Klein e Norton.


 

stats