Fiscal year

Fast Retailing ipotizza un recupero dei profitti dopo il -50% annuale

Fast Retailing - il maggiore retailer asiatico, proprietario della catena Uniqlo - ha chiuso l'esercizio con profitti lordi pari a 90,2 miliardi di yen, di fatto dimezzati rispetto all'anno prima. Il target è salire a 175 miliardi (+94%) per la fine del nuovo fiscal year, nell'agosto 2017.

 

Nel bilancio chiuso lo scorso agosto, il colosso nipponico ha realizzato un incremento dei ricavi del 6% a 1,79 trilioni di yen, per effetto del +2,5% di Uniqlo Japan, del +8,6% realizzato dall'insegna all'estero ma anche per il +11% del business dei global brand (Gu, Theory, Comptoir des Cotonniers, Princesse Tam.Tam e J Brand). Per la fine del nuovo anno fiscale è invece prevista una crescita del fatturato del 3,6% a 1,85 trilioni.

 

Nei 12 mesi terminati in agosto, il risultato operativo ha accusato un -22% a 127 miliardi di yen, ma ha rivelato un incremento del 94% nella seconda metà dell'anno, grazie alla ripresa delle vendite nei negozi Uniqlo in Giappone e resto del mondo (in particolare Greater China, Sud-Est Asiatico, Oceeania ed Europa) e agli sforzi per contenere i costi.

 

I profitti annuali hanno registrato un -56% a 48 miliardi di yen ma dovrebbero salire a 100 miliardi nel nuovo fiscal year.

 

Per il nuovo esercizio sono in programma una serie di nuove aperture grazie alle quali per agosto 2017 il network dovrebbe arrivare a 3.336 store, di cui 837 Uniqlo Japan, 1.104 Uniqlo International e 1.395 dedicate ai global brand.

 

Come riporta la stampa estera, il ceo di Fast Retailing, Tadashi Yanai, ha dichiarato che l'azienda basa il suo successo sul fatto di fornire ai suoi consumatori capi a prezzi ragionevoli. «È sbagliato - ha detto - pensare sempre che la deflazione sia un male».

 

Yanai prevede inoltre che nel giro di due o tre anni Uniqlo genererà più profitti all'estero che in madrepatria.

 

Attualmente il gruppo è il terzo al mondo dopo Inditex ed H&M e ambisce a guidare la classifica grazie all'espansione globale e alla digital transition. L'obiettivo di raggiungere i 5 trilioni di yen di ricavi per il 2020 è stato però ridimensionato a una cifra più plausibile di 3 trilioni (nella foto, un look Uniqlo autunno-inverno 2016/2017).

 

stats