Fiscal year

Hudson's Bay in perdita punta sull'Europa per recuperare

Il retailer nordamericano Hudson's Bay Company (HBC) archivia l'esercizio fiscale e il quarto trimestre in perdita ma scommette sull'espansione nel digital di Saks Fifth Avenue e sull'ingresso in Europa di Saks Off 5th e Hudson's Bay.

 

Nel fiscal year terminato a fine gennaio HBC ha totalizzato ricavi pari a 14,5 miliardi di dollari canadesi (10,1 miliardi di euro circa), in aumento del 29,5% rispetto all'anno prima per effetto soprattutto dell'acquisizione dello store online Gilt, delle attività in Europa (Galeria Kaufhof in Germania, Galeria Inno in Belgio e Sportarena) e dei nuovi opening. Si tratta di cinque store Saks Fifth Avenue e 32 negozi a prezzi scontati Saks Off 5th. A periodi comparabili, tuttavia, le vendite sono diminuite dello 0,7%.

 

Il risultato operativo annuale è passato da +682 milioni di dollari canadesi a -368 milioni, di conseguenza l'esercizio si è chiuso con una perdita di 516 milioni, dal precedente utile di 387 milioni.

 

In rosso anche l'ultimo quarter retailer nordamericano: la perdita si è attestata a 152 milioni, dall'utile precedente di 370 milioni, dopo che l'ebit è passato da 685 a -40 milioni. I ricavi sono saliti invece da 4,48 a 4,6 miliardi.

 

Fondata nel 1670, HBC è la più vecchia società del Nord America e attualmente opera in Canada con l'insegna Hudson’s Bay e negli Stati Uniti con Saks Fifth Avenue e Lord & Taylor per un numero totale di store che supera quota 480 e più di 66mila addetti.

 

Nei piani del retailer per riprendere quota figurano la vendita delle collezioni a prezzi scontati di Saks Off 5th  attraverso l'e-commerce di Gilt, l'introduzione di nuovi brand relativamente al department store Galeria Kaufhof e lo sviluppo in Europa di Saks Off 5th e Hudson's Bay. Saks Fifth Avenue dovrebbe invece beneficiare dei progressivi investimenti nel digital e dell'introduzione del servizio "buy online, pick up in store" che partirà in autunno.

 

stats