Fiscal year

Inditex cresce a due cifre. Nel 2017 distribuirà 535 milioni ai dipendenti

Salgono del 10% a 3,16 miliardi di euro i profitti annuali di Inditex, il gruppo spagnolo che controlla catene come Zara, Bershka e Pull&Bear. In programma aperture in India, Medio Oriente e Asia mentre continua lo sviluppo dell'e-commerce.

 

L'ebitda annuale è salito dell'8% a 5,08 miliardi e i ricavi sono aumentati del 12%, a 23,3 miliardi di euro. La crescita è stata del 10% a parità di negozi, dal +8,5% del bilancio precedente. Nel fiscal year la società ha aperto 279 nuovi store (al netto delle chiusure) in 56 mercati, portando a 7.292 i negozi totali all'attivo.

 

Il dividendo annuale sarà portato a 0,68 euro per azione: il 13,3% in più rispetto all'anno prima.

 

Nel 2017 - che parte con un +13% delle vendite a valute costanti, nel periodo dal primo febbraio e il 12 marzo - sono in programma opening per Zara (tra le altre, a Nagoya, Doha e Mumbai, nell'Ismail Building, nella foto), ma anche a insegna Zara Home, Pull&Bear, Bershka e Stradivarius. In più la piattaforma online sarà estesa a mercati quali la Tailandia, il Vietnam e l'India.

 

Il management guidato da Pablo Isla continuerà a focalizzarsi sulla crescita sostenibile e in particolare su tecnologie "customer oriented", progetti di ricerca e sviluppo, sistemi per rendere eco-efficienti i punti vendita, logistica e in programmi e ricerche nell'ambito delle fibre e dell'abbigliamento riciclati. Nel complesso gli investimenti previsti per il 2017 ammontano a 1,5 miliardi di euro.

 

Alla chiusura del bilancio Inditex contava 162.450 addetti nel mondo, di cui quasi 9.600 creati nell'ultimo anno. Nel 2017 intende distribuire 535 milioni di euro ai suoi impiegati, in forma di bonus o provvigioni.

 

 

stats